LA DIETA BARF

Per impostare la dieta BARF si parte dal peso corporeo dell’animale. Per la maggior parte dei cani la dose ideale è di circa il 2-4% del peso corporeo. Per il gatto la quantità di cibo giornaliero totale è pari al 4% del peso. Per il furetto la quantità di cibo giornaliero totale è pari al 6% del peso.
Di questo 2% totale, l’80% deve essere di origine animale (carne, ossa, organi, trippa, pesce e uova) e il 20% di origine vegetale (verdure, frutta, cereali ecc.)

80% CARNE E OSSA

Carne senz’ossa, carne con ossa, organi e trippa costituiscono la base di una dieta BARF e i componenti nutrizionali di una “ideale” preda: proteine, grassi, vitamine, minerali e oligo elementi. Quando si elabora un regime alimentare, si suddividono le diverse parti della preda in gruppi che servono per il calcolo delle quantità.

    • Carne Senza Ossa
      Il primo gruppo, che costituisce il 50% della quota alimentare di origine animale necessaria, è la carne. Si può trattare di carne di bovino, ovino, cavallo, maiale e polpa di tacchino. Della CSO fanno parte anche il pesce, le uova e i latticini.
    • Ossa Polpose
      Il secondo gruppo è costituito dalle Ossa Polpose. In un’alimentazione crudista le ossa sono la fonte principale di calcio e devono rappresentare circa il 30% della quota alimentare. Si tratta di ossa con polpa attaccata, cioè ossa polpose (pollo, tacchino, coniglio, anatra, quaglia).
    • Organi
      l terzo gruppo di alimenti di origine animale è costituito dalle interiora. Queste offrono un buon apporto di vitamine, ad esempio forniscono al fegato molta vitamina A. Le interiora dovrebbero costituire il 10% della razione totale alimentare. Tra le interiora ci sono il fegato, i reni, la milza,
      i polmoni e il cuore e possono provenire da tutte le specie animali.
    • Trippa
      Omaso, abomaso e rumine possono rappresentare il 10% della quota proteica di origine animale. Il rumine ha un rapporto calcio-fosforo ideale, ha una buona quantità di grasso, fornisce vitamine, oligo elementi e batteri “buoni” attraverso il suo contenuto di erbe miscelate e predigerite.
    • Pesce
      Il pesce è un alimento molto indicato nell’alimentazione canina ed è particolarmente ricco di acidi grassi omega 3.
    • Uova
      Le uova sono ben digeribili e forniscono ai cani una buona quantità di proteine. Inoltre, se consumate intere con il guscio, sono molto ricche di calcio. I gusci d’uovo hanno un contenuto di calcio del 37%, un guscio d’uovo pesa 6-7 g.
    • Latticini
      I prodotti caseari non sono per loro natura alimenti destinati ai canidi, ma in un’alimentazione crudista rappresentano un’ottima fonte alternativa di grassi e proteine. In conclusione, si possono dare da mangiare i prodotti caseari ma non si è obbligati a farlo. Bisogna sempre iniziare con piccole quantità per poterne testare la tollerabilità. Mai più del 5% della razione totale.


20% VERDURA E FRUTTA

La verdura e la frutta rappresentano il secondo pilastro fondamentale dell’alimentazione naturale. Attraverso la verdura e la frutta il cane riceve vitamine, minerali e in parte anche fito nutrienti secondari. Un’ulteriore funzione della componente vegetale è la cura e la pulizia intestinale grazie alle fibre. Bisognerebbe variare molto le verdure: carote, finocchi, sedano, zucca, zucchine, cavolo, cavolini di Bruxelles, etc. Non date mai da mangiare avocado, melanzane, fagioli rossi, patate crude, cipolle, legumi, ravanelli, mele cotogne e bacche di sambuco (crude).

OLI E LIPIDI
Gli acidi grassi omega 3 e quelli omega 6 sono per il cane acidi grassi essenziali. In altre parole, il corpo del cane non riesce a produrli e deve quindi assumerli attraverso l’alimentazione.
Se consuma carne con parti grasse, assume effettivamente acidi grassi omega 6 a sufficienza, dunque bisognerebbe integrare l’alimentazione con oli dall’elevato contenuto di acidi omega 3.
Olio di cocco, olio di salmone, olio di canapa e olio di semi di lino sono i più indicati.

I cereali sono indispensabili?
I cereali si possono dare ai cani ma non si è obbligati a farlo e in casi particolari vanno assolutamente evitati. Contro la somministrazione di cereali c’è il fatto che portano spesso a intolleranze e allergie, possono provocare flatulenze e fanno ingrassare. Non si devono assolutamente dare da mangiare i cereali in caso di: tumori, allergie (soprattutto allergie alimentari), artropatie, epilessia e infestazioni di lieviti.
 

Vantaggi dieta BARF

    • Niente tartaro
    • Niente odori sgradevoli del cane
    • Un sistema immunitario forte
    • Quantità di escrementi notevolmente ridotta
    • Legamenti e tendini forti
    • Muscolatura migliore
    • Attenuazione delle malattie artritiche
    • Meno problemi di crescita
    • Drastica riduzione del rischio della torsione dello stomaco
    • Pelo più bello, più sano e più lucido
    • Gioia nel mangiare
    • Aumentata energia e vitalità: il tuo animale domestico si comporterà di nuovo come un cucciolo.

I nostri alimenti sono confezionati in porzioni da 250 grammi, 500 grammi o 1 kg per poter rispondere alle esigenze di animali di ogni taglia e peso. 

Offriamo una vasta varietà di fonti proteiche, ognuna con un particolare vantaggio mirato per migliorare la salute del tuo animale domestico.
 
 
 
La salute e il benessere del tuo animale domestico miglioreranno per una vita lunga e meravigliosa.